Le azioni russe stanno godendo di un rally che ha eclissato quasi tutti i mercati azionari mondiali quest'anno, grazie a rendimenti da dividendi che sono più del doppio di quelli dei loro omologhi dei paesi in via di sviluppo.

L'indice RTS denominato in dollari è cresciuto del 35%, superando il livello di sanzioni pre-2014 mentre le preoccupazioni per potenziali nuove sanzioni politiche sono svanite. Anche la stabilità finanziaria russa, la forza valutaria e le valutazioni convenienti hanno conquistato gli investitori, con solo le azioni greche che hanno battuto il benchmark di Mosca nel 2019.

"I dividendi sono stati un punto di svolta", ha affermato il gestore del portafoglio di Swedbank Robur Fonder AB Elena Loven, che vede il rally continuare nel prossimo anno. Le azioni russe "possono facilmente salire di un altro 40%-50% ed essere ancora a buon mercato", ha detto.

Grandi ritorni

Le società statali sono tra i primi 5 titoli dell'indice RTS russo

vuoto

Negli ultimi anni, le società controllate dallo stato russe sono state sotto pressione per restituire più profitti al ministero delle finanze sotto forma di dividendi e gli investitori azionari ne stanno beneficiando come effetto collaterale. L'esportatore di gas Gazprom PJSC ha guadagnato il 64% dall'inizio del 2019 dopo aver aumentato i pagamenti. In futuro prevede di distribuire metà del proprio utile netto in dividendi.

La baldoria dei dividendi si sta diffondendo ai finanziatori statali come Sberbank PJSC e VTB Bank PJSC.

Le due banche hanno ora il capitale, il potenziale di crescita e gli utili per consentire una distribuzione più generosa dei dividendi, ha affermato l'analista di BCS Global Markets Elena Tsareva. "Non c'è molta crescita nell'economia o nel prestito, ma ci sono forti dividendi e un ambiente stabile".

Secondo i dati compilati da Bloomberg, su 23 membri russi dell'indice MSCI Emerging Markets, 15 hanno conseguito rendimenti totali superiori alla media dell'indicatore del 14% quest'anno.

Gli analisti hanno aumentato le loro stime sugli utili russi dall'inizio dell'anno, riducendo le loro proiezioni per le società dei mercati emergenti in generale.

 

Le stime dell'EPS per i titoli russi sono aumentate mentre sono diminuite per i peer EM

Gli indici azionari russi sono carichi di società energetiche, un settore che ha registrato una ripresa dei benchmark azionari europei. L'indice Stoxx Europe 600 Oil & Gas è scambiato vicino al livello più alto da luglio, tra valutazioni interessanti e ottimismo sui negoziati commerciali USA-Cina e il loro impatto positivo sulla crescita globale.

Il rally di oltre l'80% di Surgutneftegas PJSC quest'anno ha infiammato le speculazioni del mercato sulle intenzioni del quarto produttore di petrolio russo. Alcuni analisti ipotizzano che potrebbe utilizzare parte della sua liquidità per acquistare una partecipazione nella rivale più grande Lukoil PJSC. L'analista di BCS Sergey Suverov ha anche affermato che i guadagni potrebbero essere spiegati dalla possibilità che parte del denaro vada agli azionisti come aumento dei dividendi.