vuotoL'economia di mercato orientata al socialismo della Repubblica Socialista del Vietnam è la 45a economia più grande del mondo misurata dal prodotto interno lordo nominale (PIL) e la 33a più grande del mondo misurata dalla parità di potere d'acquisto (PPA). Il paese è membro della cooperazione economica Asia-Pacifico, dell'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico e dell'Organizzazione mondiale del commercio.

Dalla metà degli anni '1980, durante il periodo di riforma del Doi Moi, il Vietnam è passato da un'economia di comando altamente centralizzata a un'economia mista che utilizza sia la pianificazione direttiva che indicativa attraverso piani quinquennali. In quel periodo, l'economia ha registrato una rapida crescita. Nel 21° secolo, il Vietnam è in un periodo di integrazione nell'economia globale. Quasi tutte le imprese vietnamite sono piccole e medie imprese (PMI). Il Vietnam è diventato uno dei principali esportatori agricoli e ha rappresentato una destinazione attraente per gli investimenti stranieri nel sud-est asiatico. In modo simile ad altri paesi comunisti dopo la fine della Guerra Fredda, l'economia pianificata del Vietnam ha perso lo slancio per la produttività e la crescita sostenibile. Nel periodo attuale,[quando?] L'economia del Vietnam si basa in gran parte sugli investimenti diretti esteri per attirare capitali dall'estero e sostenere il suo continuo rigore economico., Gli investimenti stranieri nel settore alberghiero e dei resort di lusso aumenteranno per sostenere l'industria turistica di fascia alta.,

Un paese del sud-est asiatico con quasi 95 milioni di residenti e forse più noto per la guerra del Vietnam, il Vietnam è in realtà una delle più grandi storie di crescita del 21° secolo. Ciò potrebbe rendere il Dong vietnamita una speculazione valutaria preferita nel 2018 e oltre. Mentre il paese si consolida e continua la sua rapida crescita, anche la valuta dovrebbe rafforzarsi in futuro.

Nonostante il suo attuale status di “moneta esotica”, il Dong vietnamita è una delle valute di questa categoria con il maggior potenziale futuro. Negli ultimi anni il Vietnam è andato oltre il suo modello di isolamento politico a lungo termine e si è integrato maggiormente nell'economia globale, compresi gli Stati Uniti.

In effetti, una previsione del 2005 di Goldman Sachs prevedeva che l'economia del Vietnam sarebbe stata la 21° più grande al mondo entro il 2025. Poco dopo, PricewaterhouseCoopers ha osservato che il Vietnam potrebbe essere la più rapida crescita delle economie emergenti del mondo entro il 2025. Queste proiezioni indicano un enorme potenziale per il paese, e la sua valuta, il dong vietnamita.

Il 2018 potrebbe essere l'ultima opportunità per investire nel Dong vietnamita mentre è ancora molto basso rispetto alle principali valute mondiali, in particolare al dollaro USA. Potrebbe essere l'aggiunta perfetta all'angolo speculativo di un portafoglio altrimenti ben bilanciato e diversificato.

Il Dong vietnamita nel 2017

Il dong vietnamita è stato scambiato costantemente nell'intervallo di 22,700 per dollaro USA negli ultimi due anni. Sta mostrando il tipo di consistenza valutaria che potrebbe prevedere la forza in futuro, in particolare perché l'economia del paese continua a crescere molto più rapidamente dell'economia globale.

È chiaro che i giorni peggiori del Vietnam sono alle spalle. Ciò si riflette già nella stabilità della valuta. Come discuteremo in futuro, le prospettive in Vietnam praticamente su tutti i fronti stanno migliorando rapidamente. Il paese sta attraversando una transizione da un'economia agricola isolata a un'economia sempre più industrializzata che sta diventando sempre più una forza nell'economia globale ogni anno che passa.

L'economia del Vietnam per il 2019

The Economist fornisce questa valutazione dell'economia del Vietnam per il 2019:

“La crescita del PIL reale del Vietnam è salita al 6.8% nel 2017, il tasso di crescita più alto visto in un decennio. Un buon rimbalzo nella seconda metà dell'anno ha compensato una performance più debole del previsto nel periodo gennaio-giugno, con i dati dell'Ufficio generale di statistica (GSO) che mostrano una crescita del PIL reale in accelerazione al 7.7% anno su anno nel quarto trimestre, da 7.5% in luglio-settembre. La sostanziale ripresa nel quarto trimestre supporta la nostra visione di solide prospettive di crescita nel 2018 e prevediamo che l'economia si espanderà del 6.5% quest'anno, rendendola una delle economie in più rapida crescita in Asia. "

In un aggiornamento separato, The Economist ha osservato che si aspettano che la crescita "rimarrà relativamente forte nel 2018-2022" e inoltre che il Vietnam rimane un "hotspot di investimento" e che una rottura del sistema a partito unico rimane altamente improbabile.

Il Vietnam ha un settore manifatturiero robusto e in rapida crescita. La produzione ha un forte orientamento all'esportazione, con gli Stati Uniti come il più grande mercato di esportazione, seguiti dalla Cina. Il settore agricolo del paese è anche un importante contributo alle esportazioni. Tuttavia, c'è l'avvertenza che la produzione agricola può essere influenzata negativamente dal maltempo stagionale.

Il turismo sta rapidamente diventando un'importante industria in Vietnam. Nel 2017, quasi 13 milioni di stranieri hanno visitato il Paese. Si tratta di un aumento di oltre il 29% rispetto al 2016. Il governo ha l'obiettivo di aumentare tale numero a 15 milioni nel 2018.

La produzione di petrolio è un'altra industria in crescita in Vietnam. Nel 2016 il Paese ha avuto una produzione media di oltre 300,000 barili al giorno. Le riserve stimate sono 4.4 miliardi di barili, il che fa del Vietnam la 25esima più grande riserva di petrolio al mondo. La produzione di petrolio è leggermente diminuita nel 2017 e dovrebbe rimanere stabile nel 2018.

L'ambiente geopolitico del Vietnam

A differenza di molti paesi che hanno valute esotiche, il Vietnam è più stabile sul fronte geopolitico. Il principale punto di contesa internazionale è la proprietà delle Isole Spratly, che è un'area di controversia di lunga data tra Vietnam e Cina. E mentre i due paesi hanno vissuto conflitti armati in un lontano passato, sembra improbabile che una situazione del genere si sviluppi oggi.

Nel frattempo, le acque territoriali del paese e le frontiere terrestri sono tranquille e pacifiche. Il paese non deve affrontare grandi minacce esterne, né i tipi di conflitti etnici o regionali che attanagliano molti paesi in via di sviluppo.

Inoltre, il Vietnam si trova a migliaia di chilometri da molti degli attuali hotspot geopolitici del mondo, come il Medio Oriente e la Corea. Questa stabilità geopolitica ha probabilmente molto a che fare con il costante progresso sociale ed economico del paese. L'assenza di conflitti internazionali sta liberando il Paese per concentrare le sue risorse sul miglioramento delle sue circostanze interne.

E il Vietnam sta facendo proprio questo. Il paese sta costruendo rapidamente le sue infrastrutture, compresi i sistemi di trasporto, l'approvvigionamento idrico e i servizi igienico-sanitari e, naturalmente, la sua economia. I risultati stanno diventando sempre più evidenti. Oltre ad essere una delle economie in più rapida crescita al mondo, il Vietnam sta facendo progressi significativi contro la povertà. Oggi vanta un tasso di povertà inferiore a Cina, India e Filippine.

E nonostante una lunga storia come paese prevalentemente agricolo, sta ora compiendo una transizione graduale verso la produzione e i servizi. Anche la tecnologia dell'informazione e le industrie ad alta tecnologia sono una parte significativa di tale crescita. Ma nonostante la sua crescita industriale, il paese rimane significativo nella produzione agricola. Il Vietnam è il più grande produttore mondiale di anacardi e pepe nero. È anche il secondo esportatore di riso e caffè, due importanti prodotti agricoli globali.

La situazione politica vietnamita

Denominato ufficialmente Repubblica Socialista del Vietnam, il paese è uno dei soli quattro al mondo a mantenere apertamente il comunismo. Cina, Cuba e Laos sono gli altri tre. Questo ha creato un sistema a partito unico, in cui il Partito Comunista del Vietnam rimane il centro del potere politico nazionale.

Sebbene questa forma di governo sia in gran parte caduta in disgrazia, il sistema a partito unico ha fornito un livello insolito di stabilità politica nel paese. E nonostante il governo comunista, il Paese continua ad integrarsi nell'economia mondiale. È anche aperto sia agli investimenti esteri che al crescente commercio turistico, che ora attira milioni di visitatori internazionali.

Il Vietnam continua a mantenere una stretta cooperazione politica ed economica con la Cina. Tuttavia, i due hanno avuto una lunga storia di dispute territoriali, sfociate in scontri armati. Ma nonostante le sue strette relazioni con la Cina, il Paese mantiene una forte politica estera indipendente. Sta lavorando attivamente per promuovere l'apertura e la diversificazione con diversi paesi.

Ad esempio, il Vietnam ha normalizzato le relazioni con gli Stati Uniti nel 1995 e ha stabilito relazioni diplomatiche con 172 paesi. È inoltre membro di 63 organizzazioni internazionali, tra cui le Nazioni Unite e l'Organizzazione mondiale del commercio.

Le relazioni tra Stati Uniti e Vietnam si sono normalizzate al punto che il presidente Barack Obama ha revocato l'embargo sulle vendite di armi letali al Vietnam nel 2016.

Le prospettive per il dong vietnamita nel 2019

Un problema consistente con il dong vietnamita in passato è stata l'inflazione che ha portato alla svalutazione della valuta. Ad esempio, il dong è stato svalutato tre volte nel 2010, con un tasso di inflazione annuo di quasi il 12% per quell'anno. Tuttavia, l'inflazione è stata tenuta sotto controllo negli ultimi anni. È progettato per media di circa il 3% per il 2018 e per tutto il 2020. Il tasso di inflazione più basso avrà un effetto stabilizzante sulla valuta e aumenterà il suo status internazionale.

Dopo decenni di guerra perpetua e povertà diffusa, il Paese si sta rapidamente modernizzando. È un paese in rapido sviluppo, sulla buona strada per raggiungere i primi livelli mondiali di successo. Le prospettive per la sua economia e le sue relazioni internazionali dovrebbero solo migliorare in futuro.

Gli effetti di questi miglioramenti si rifletteranno infine sul dong vietnamita. Sia il commercio estero che l'industria turistica in crescita stanno creando scambi crescenti con i mercati globali. Sebbene il dong non possa mai diventare una delle valute di riserva dominanti al mondo, è probabile che raggiunga lo status di una delle principali valute regionali.

L'attuale stabilità del dong rende il 2018 un anno eccellente per prendere posizione nella valuta. Dato che le prospettive per il dong sembrano destinate solo a migliorare, con l'aumento del profilo internazionale del Vietnam, è meglio acquistare mentre l'attività è tranquilla. Una volta che inizia a salire di valore, l'ascesa sarà rapida. Il momento migliore per acquistare sarà passato. La nostra aspettativa è che il 2018 sarà la valutazione più bassa in futuro.